Diagnostica analitica 2017-11-15T18:59:29+00:00

icona diagnostica analitica

DIAGNOSTICA ANALITICA

  • La microscopia digitale rappresenta il futuro per la ricostruzione tridimensionale delle superfici e il riconoscimento della morfologia dei materiali
  • Gli strumenti di spettroscopia utilizzati su scanner computerizzato permettono di effettuare analisi sicure, precise e complete delle superfici
  • Driart può limitare al massimo le analisi invasive

DIAGNOSTICA ANALITICA

Con la diagnostica analitica si eseguono indagini chimiche e fisiche di tipo invasivo e non invasivo sui materiali di un’opera al fine di capire la loro composizione, il loro stato di conservazione, la metodologia di produzione e la datazione.

Le analisi non invasive prevedono lo studio dei materiali attraverso tecniche chimico-fisiche che non prevedono il contatto e l’alterazione della superficie di un manufatto. Le analisi invasive prevedono il prelievo di micro-campioni dalla superficie di un manufatto e per questo sono da considerarsi come analisi di ultima istanza.

NON INVASIVA

Spettroscopia XRF in situ

SPETTROSCOPIA XRF IN SITU

Lo strumento portatile permette di effettuare analisi XRF in situ ed ottenere informazioni sia qualitative che quantitative sugli elementi presenti nel manufatto.

Spettroscopia Raman in situ

SPETTROSCOPIA RAMAN IN SITU

Lo strumento portatile permette di effettuare analisi micro-RAman in situ ed ottenere informazioni qualitative sui pigmenti e i materiali presenti nel manufatto.

Analitica6

MICROSCOPIA DIGITALE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA MORFOLOGIA DEI MATERIALI E LA RICOSTRUZIONE 3D DELLE SUPERFICI

Permette un’analisi micrometrica della superficie di un manufatto dando informazioni sulla natura morfologica dei materiali costituenti.

INVASIVA

Processo di estrazione di microprelievi

PROCESSO DI ESTRAZIONE DI MICROPRELIEVI

Attraverso l’utilizzo di uno stereomicroscopio permette di estrarre da un’opera campioni millimetrici rappresentativi degli strati superficiali e di quelli più profondi di un’opera.

Inglobamento resina microprelievicttile

INGLOBAMENTO IN RESINA DI MICROPRELIEVI; CREAZIONE DI SEZIONE SOTTILE E STRATIGRAFICA

Permette la creazione di sezioni direttamente studiabili al microscopio nella loro stratigrafia o nella loro natura mineralogica.

crosssection VIS

STUDIO E FOTOGRAFIA MULTISPETTRALE DELLA SEZIONE AL MICROSCOPIO

Permette di avere informazioni ed immagini digitali in luce Visibile, Fluorescenza UV, Infrarosso ed Infrarosso FAlso Colore della stratigrafia di un’opera.

Spettroscopia-micro-Raman-su-campione-e-sezione

SPETTROSCOPIA MICRO-RAMAN SU CAMPIONE E SEZIONE

Permette di ottenere informazioni sulla natura dei pigmenti e dei materiali della stratigrafia di un’opera.

Analisi-SEM-EDS-su-sezione

ANALISI SEM-EDS SU SEZIONE

Permettono di ottenere informazioni sulla natura e la distribuzione degli elementi della stratigrafia di un’opera.

Datazione-con-il-metodo-del-C14

DATAZIONE CON IL METODO DEL C14

Il metodo del 14C permette di datare materiali di origine organica, come per esempio legno, fibre tessili e carta.

ISTITUTI CON CUI COLLABORIAMO